Obesità: il peperoncino potrebbe aiutare a perdere peso.

di Giulia Ferlisi

Un nuovo medicinale a base di capsaicina, il composto che dà al peperoncino la piccantezza, potrebbe rappresentare una delle nuove frontiere farmacologiche contro l'obesità. Ha portato infatti una perdita di peso a lungo termine e un miglioramento della salute metabolica nei topi che consumavano una dieta ricca di grassi. A rilevarlo è uno studio della School of Pharmacy dell'Università del Wyoming, i cui risultati sono stati presentati al meeting annuale della Society for the Study of Ingestive Behaviour. "Abbiamo osservato miglioramenti marcati nei livelli di zucchero nel sangue e di colesterolo, nella risposta insulinica e nei sintomi del fegato grasso", ha evidenziato il dottor Baskaran Thyagarajan, ricercatore capo. Il farmaco, Metabocin, è stato progettato per rilasciare lentamente capsaicina per tutto il giorno in modo che possa esercitare il suo effetto anti-obesità senza produrre infiammazione o effetti collaterali negativi. Può essere assunto per via orale ed è stato sviluppato per individuare i recettori denominati TRPV1 che si trovano in un numero elevato di cellule di grasso, la cui stimolazione fa sì che inizino a bruciare energia invece di immagazzinarla, il che, in teoria, dovrebbe causare la perdita di peso. I topi nell'esperimento lo hanno assunto per 8 mesi, mantenendo la perdita di peso senza problemi di sicurezza, a ulteriori test sono in corso. Sebbene questi risultati possano dare l'idea di mangiare cibo piccante per perdere peso, non funzionerebbe. La maggior parte della capsaicina nel cibo piccante non è ben assorbita dal corpo, quindi non produrrebbe questi effetti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright salute33